Informazioni sul corso

Lo specialista in Igiene e Medicina Preventiva deve maturare conoscenze tecniche, scientifiche e professionali nei seguenti campi:

·         medicina preventiva, educazione sanitaria e promozione della salute

·         programmazione, organizzazione e valutazione delle tecnologie e dei servizi sanitari (management sanitario)

·         igiene degli alimenti e della nutrizione

·         igiene e sicurezza ambientale

·         igiene e sicurezza del lavoro

·         edilizia civile e sanitaria

·         legislazione sanitaria

Inoltre deve acquisire professionalità e competenze relative all’organizzazione dell’assistenza primaria e secondaria (programmi di screening) in collettività e in strutture sanitarie pubbliche e private.

Lo specialista in Igiene e Medicina Preventiva deve poi essere in grado di:

·         effettuare buone diagnosi dello stato di salute e dei problemi sanitari in una comunità, utilizzando gli strumenti metodologici che l’epidemiologia fornisce;

·         identificare le priorità d’azione e le soluzioni più efficaci utilizzando l’evidence based healthcare;

·         progettare interventi sanitari mediante la stesura di un protocollo dettagliato che preveda anche la valutazione delle risorse necessarie e la loro precisa allocazione.

Altri ambiti di competenza sono:

  • la sorveglianza e il controllo delle malattie ereditarie, infettive, cronico-degenerative e degli incidenti nelle comunità di vita e di lavoro, nei viaggiatori e nei migranti;
  • l’analisi dei bisogni socio-sanitari, degli stili di vita, dell’alimentazione e dei rischi ambientali;
  • la ricerca epidemiologica, etiologica e valutativa; l’informazione e formazione sanitaria;
  • la programmazione, organizzazione, gestione, coordinamento delle risorse e valutazione degli interventi di prevenzione; la valutazione di impatto ambientale per quanto concerne gli aspetti sanitari;
  • la progettazione, realizzazione e valutazione di interventi di sanità pubblica in occasione di incidenti, catastrofi, attacchi terroristici con mezzi biologici, chimici e nucleari.

Imparare facendo

L’attività formativa della Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva di Genova si articola presso due strutture principali: il Dipartimento di Scienze della Salute (DiSSal) e l’U.O. Igiene del Policlinico San Martino.

Presso il DiSSal viene svolta la ricerca su mutagenesi e igiene ospedaliera, l’attività di promozione della salute, HTA e i progetti di e-Health.

Presso l’U.O. Igiene del Policlinico San Martino, che comprende anche gli ambulatori vaccinali presso il Padiglione 3, si svolgono le attività di sorveglianza epidemiologica e di igiene ospedaliera.

La Scuola offre anche la possibilità di frequentare alcune strutture “esterne”: in particolare, per quanto riguarda le attività di direzione sanitaria, l’offerta formativa comprende la frequenza presso l’ente ospedaliero Ospedali Galliera, l’Istituto Giannina Gaslini e il presidio ospedaliero Villa Scassi.

Per quanto riguarda le attività territoriali, è possibile accedere ai tirocini presso i Dipartimenti di Prevenzione di ASL3 Genovese, ASL2 Savonese e ASL4 Chiavarese.

Gli specializzandi hanno, inoltre, la possibilità di frequentare strutture regionali, nazionali ed estere al di fuori della rete formativa, per un periodo massimo di 18 mesi.

Sbocchi professionali

Per consultare Manifesto degli studi, programmazione didattica e regolamento didattico del Corso, è possibile consultare la Scheda informativa Per orari, lezioni ed esami è possibile consultare la pagina della Segreteria Didattica